Questo sito utilizza cookie tecnici propri. Se continui nella navigazione, clicchi su un elemento della pagina oppure clicchi sul pulsante OK, accetto i cookie, implicitamente accetti il loro utilizzo. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie clicca sul pulsante Maggiori informazioni

 

...Te sine nil altum mens incohat...

Dimensione caratteri

 A+ A A-

Ricerca nel sito

Premio conservazione beni artistici

Premio di composizione in poesia o prosa

Premio di cultura greca

Borsa di studio "Fratelli Finzi"

20.01.2016 Cerimonia per la Giornata della Memoria 2016

Il 20 gennaio 2016, in prossimità della Giornata della Memoria, il nostro liceo ha ospitato un importante evento: la cerimonia di piantumazione di un ulivo in memoria dei fratelli Finzi, ex alunni del Giulio Cesare e vittime della Shoah. Il loro caso fu riportato alla memoria dall'Associazione Ex Alunni, che, insieme alla Fondazione Museo della Shoah, ha loro intitolato un concorso a premi (vedi) per gli attuali studenti, di durata ormai quinquennale. Da quest'anno il concorso verrà esteso ad altre scuole, rendendo i fratelli Finzi l’emblema della persecuzione di tutti gli studenti ebrei italiani.

La cerimonia, promossa da un altro ex alunno, l’Ambasciatore d’Italia in Israele, Francesco Maria Talò, insieme all’Associazione KKL onlus e alla sua dirigente Letizia Piperno, anche lei ex alunna, ha avuto l’onore di svolgersi alla presenza del Ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, che per la prima volta ha voluto partecipare in una scuola a un evento di tal fatta.

Hanno preso la parola anche altre autorità: l’Ambasciatore d’Israele in Italia, Naor Gilon, il presidente di KKL Italia, Raffaele Sassun, e un rappresentante dell’UCEI. Sono intervenuti anche alcuni testimoni, quali la signora Emma Marino, vittima delle leggi razziali del ’38, e discendenti della famiglia Finzi

Anche la scuola è stata chiamata a parlare: oltre all'introduzione del dirigente scolastico, Micaela Ricciardi, la rappresentante degli studenti nel Consiglio d’Istituto, Federica Fontana, è intervenuta sul tema “La memoria per uno studente liceale oggi”.

Fra le altre importanti presenze: il rabbino capo di Roma, Riccardo Di Segni;  i rappresentanti della Fondazione Museo della Shoah, Mario Venezia, Riccardo Pacifici, Leone  Paserman; numerosi ex alunni che ricoprono rilevanti ruoli professionali e culturali.

L'Associazione Ex Alunni G.Cesare è stata rappresentata dal presidente Giuseppe Massara.

La cerimonia si è avviata con la commemorazione, in Aula Magna, dei tragici eventi delle leggi razziali e della Shoah, con particolare riferimento ai fratelli Finzi e con la sottolineatura sul ruolo, oggi, della memoria di quei fatti. Ci si è quindi trasferiti nel cortile di ingresso, dove, non lontano dalla statua di Giulio Cesare e dalla targa commemorativa dei fratelli Finzi, è stato piantumato un ulivo proveniente dalle colline di Gerusalemme.

Le foto dell'evento