Questo sito utilizza cookie tecnici propri. Se continui nella navigazione, clicchi su un elemento della pagina oppure clicchi sul pulsante OK, accetto i cookie, implicitamente accetti il loro utilizzo. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie clicca sul pulsante Maggiori informazioni

 

...Te sine nil altum mens incohat...

Dimensione caratteri

 A+ A A-

Ricerca nel sito

Premio conservazione beni artistici

Premio di composizione in poesia o prosa

Premio di cultura greca

Borsa di studio "Fratelli Finzi"

Vittorio Occorsio, magistrato vittima del terrorismo ed ex alunno del "Giulio Cesare", è stato ricordato nell'anniversario dell'assassinio (10.7.1976) con una cerimonia in Villa Leopardi, presso la lapide a Lui dedicata. Hanno pronunciato interventi: il giornalista Marco Damilano (coordinatore), il vicesindaco Luca Bergamo, i magistrati Giovanni Salvi ed Alberto Macchia, il giornalista e uomo politico Gianni Letta; per la famiglia è intervenuto il figlio, Eugenio Occorsio. Erano presenti numerosi esponenti della politica, dell'ambiente giudiziario e delle forze dell'ordine, oltre a comuni cittadini. E' stata rievocata la Sua figura di magistrato scrupoloso ed intellettualmente onesto, fortemente impegnato nell'attività giudiziaria contro l'eversione "nera"; è stato anche delineato, da parte dei due magistrati intervenuti, un significativo quadro del mondo del terrorismo e delle trame antidemocratiche di quegli anni, nonché dell'attività di contrasto, spesso carente, da parte dello Stato. A conclusione della cerimonia, il vicesindaco Bergamo ha deposto una corona di alloro presso la lapide.

L'Associazione ex alunni e docenti si unisce ai familiari e alle Autorità nel ricordare Vittorio Occorsio, grande figura di magistrato, che si formò nelle aule del nostro Liceo.